sabato 2 giugno 2012

mia sorella

oggi ho avuto l'ardire di rispondere,alla sua richiesta:"sei libera oggi pomeriggio?"(dopo che l'avevo accompagnata alla coop)che potevo fino alle sei,dopo no perchè ho un impegno.
doveva fare un salto nel negozione di detersivi,ci si poteva andare prima delle sei,no?
NO.
mi ha voltato le spalle e se ne è andata,sdegnata e non mi ha risposto quando l'ho chiamata,per le scale.
e siccome io sono scema dalla nascita,sono andata a casa a sistemare surgelati e carne,e sono tornata da lei,con mia figlia anche per vedere mio padre,che purtroppo tra la scuola e tutto il resto riesco a vedere pochissimo.
suono al citofono e non risponde...forse è in bagno,mi dico.
allora apro il portone con la chiave(ne ho una copia,visto che quella è la casa dove sono nata e dove vive mio padre),e saliamo su io e mia figlia.
suono al campanello,e già comincia a venirmi qualche dubbio:nessuna risposta.
apro con la chiave.
lei è in salotto a leggere il giornale e mi fulmina con lo sguardo:COME TI PERMETTI DI ENTRARE A CASA MIA?
io : perchè non mi hai risposto?
lei : perchè,ti devo rispondere per forza?
io:certo,non vedo perchè no.
lei : perchè no.
allora ho perso la pazienza e visto che ogni volta che ha bisogno di essere accompagnata di qua e di là io ci sono sempre,le ho detto(a voce piuttosto alta)che la prossima volta che deve andare alla coop si trovi qualcun altro che la accompagna,e ci ho aggiunto un bel VAFFA........(ero furiosa:come si permette di trattarmi così?)
sono andata via sbattendo la porta,e mia figlia dietro a me.
non abbiamo visto mio padre perchè non c'era,e anche lui si lamenta ogni volta di lei e del suo modo di fare ASSURDO ED EGOISTA.
non è la prima volta che succede tutto questo.
anzi,è una storia vecchia.
non so se ho fatto bene,tanto lei non cambierà mai,e il suo modo di fare resterà quello di una bambina viziata e prepotente,le cui esigenze vengono prima di tutto e tutti.
una bambina di 50 anni.

Nessun commento:

Posta un commento