venerdì 30 agosto 2013

per tutti coloro che hanno perso i loro amori pelosi...

La morte non è niente.

Sono solamente passato dall’altra parte:
è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare;
parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
di quelle piccole cose che tanto ci piacevano
quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami!
Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.
Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore,
ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:
il tuo sorriso è la mia pace.
Scott Holland

the cure


martedì 27 agosto 2013

ALESSANDRO MAZZA'

Dormire tenersi guardarsi sapersi
smettere e non smettere
stare zitti lontani invisibili
esistere confondere
essere la goccia di dolore che scende e sale
guarisce dove ferisce
volare insieme sulle ali
dell’impossibile quiete
pensarne tantissimi dirne solo pochi
pensare che tutti i modi che sappiamo
li immaginiamo con noi

venerdì 16 agosto 2013

anais nin



E venne il giorno in cui il rischio di rimanere chiuso in un bocciolo divenne più doloroso del rischio di sbocciare.

Anaïs Nin

domenica 11 agosto 2013

"DARE VOCE A CHI VOCE NON HA"

le ore di quest'estate anomala mi gocciolano addosso,calde e fastidiose.
dormo male,la ventola che gira al minimo a volte mi fa sentire freddo,ma se mi copro...sudo...CHE STRAZIO!
il micio piccolo cresce in fretta,devo al più presto fare i test per le infezioni virali gravi:è un gattino che viveva in strada,potrebbe aver contratto qualche malattia dagli altri gatti,anche se la signora che se ne occupava prima che io lo prendessi mi ha assicurato che la sua mamma è negativa ai virus più pericolosi.
però,il suo occhio destro spesso lacrima,segno che cmq non è ancora guarito completamente dalla congiuntivite.
ho comprato di tutto: arnica in gocce,acido borico,acqua di malvarosa(decongestionante),collirio all'Eufrasia omeopatico,engystol in fiale(per le difese immunitarie).
c'è un mondo sommerso di gruppi di volontari e DONNE(le gattare) che lavorano instancabilmente e senza fondi economici,per soccorrere,aiutare,curare e accudire le bestiole abbandonate.
un mondo sommerso che fa l'impossibile,salvando da morte certa centinaia di animali SOLI.
d'estate,poi,è una strage: si trovano cani e gatti lasciati sui bordi di strade,accanto ai box,qualcuno addirittura li butta nell'immondizia.
MA COME SI PUO'.
ho scoperto che è stato creato un Rifugio per gli Asinelli Onlus,dove hanno portato tutti gli asini che erano rinchiusi in condizioni terribili proprio qui,nel territorio del mio comune: questi volontari li hanno presi,trasportati col treno,e gli hanno dato una casa dignitosa,e cibo,e amore.

ADORO QUESTE PERSONE,E DA QUANDO SO CHE ESISTONO,HO UN PO' PIU'DI FIDUCIA NEL GENERE UMANO.


martedì 6 agosto 2013

gatti

"Per un gatto, di tutti i giochi nessuno è fatto meglio del proprio umano. E' un giocattolo che può essere usato in molti modi e le parti che lo compongono possono essere orientate in ogni direzione. Viene consegnato completamente assemblato e quando gli si salta addosso emette dei suoni."

Stephen Baker

cosa vuol dire NORMALE

ritorno,in questa estate torrida,straniante,estranea,a sporcare di parole questo spazio virtuale.

cosa vorrei dire.
a F.,che è sparito da un giorno all'altro dopo essersi reso conto che una storia,con me,sarebbe stata (per lui) SOLO COMPLICAZIONI,vorrei dire che mi fa schifo.

che le persone si trattano con delicatezza,con rispetto,specie quelle che hanno sofferto tanto,e che soffrono ancora,per motivi diversi...

che la sensibilità è una dote meravigliosa,e che l'empatia aiuta a diventare esseri umani migliori.

che far del male è facile,lo sanno fare tutti...far sorridere e gioire qualcuno invece,anche solo con una carezza SENTITA,è molto più difficile,specie per chi segue logiche non dettate dal cuore,dall'anima.

cosa voleva questo qui,da me?
oh,non è difficile da capire,ora che ci penso...


"IO NON SONO UNA DONNA NORMALE" è il mio mantra,che significa questo:
"ho dei problemi di salute che penalizzano pesantemente la mia via,ma la medicina non li riconosce come MALATTIA,e quindi cosa vado a spiegare,io,alle persone,quando mi chiedono: "ma esattamente,cos'hai?"

non ne ho più voglia.
tanto non capiscono.
il ginecologo di grido si è preso 150 euro per visitarmi e prescrivermi estrogeni per 3 mesi.
ESTROGENI?
ma perchè?

il mio problema non è la menopausa,ma ALTRO.
se non ne sai niente,è inutile che ci giriamo intorno.
150 euro per prescrivermi estrogeni...erano capaci tutti!

ora,a dire il vero,sospiro di sollievo.
il tizio che la prima volta si è presentato con un bouquet di orchidee (l'unico a non arrivare a mani vuote...)oggi è già scomparso dalla mia vita,dopo 4 incontri.
alla mia età si diventa esigenti,anche un po' intolleranti.
e quindi,va bene così.