sabato 30 giugno 2012

josè saramago





La solitudine non è vivere da soli, la solitudine è il non essere capaci di fare compagnia a qualcuno o a qualcosa che sta dentro di noi, la solitudine non è un albero in mezzo a una pianura dove ci sia solo lui, è la distanza tra la linfa profonda e la corteccia, tra la foglia e la radice.

ROBERT FROST


La strada non presa
Divergevano due strade in un bosco
ingiallito, e spiacente di non poterle fare
entrambe uno restando, a lungo mi fermai
una di esse finché potevo scrutando
là dove in mezzo agli arbusti svoltava.
Poi presi l’altra, così com’era,
che aveva forse i titoli migliori,
perché era erbosa e non portava segni;
benché, in fondo, il passar della gente
le avesse invero segnate più o meno lo stesso,
perché nessuna in quella mattina mostrava
sui fili d’erba l’impronta nera d’un passo.
Oh, quell’altra lasciavo a un altro giorno!
Pure, sapendo bene che strada porta a strada,
dubitavo se mai sarei tornato.
lo dovrò dire questo con un sospiro
in qualche posto fra molto molto tempo:
Divergevano due strade in un bosco, ed io…
io presi la meno battuta,
e di qui tutta la differenza è venuta.

LUKA


venerdì 29 giugno 2012

altan


klimt


sensualità


the cure live


pablo neruda

Due amanti felici fanno un solo pane,
una sola goccia di luna nell'erba,
lascian camminando due ombre che s'uniscono,
lasciano un solo sole vuoto in un letto.

Di tutte le verità scelsero il giorno:
non s'uccisero con fili, ma con un aroma
e non spezzarono la pace né le parole.
E' la felicità una torre trasparente.

L'aria, il vino vanno coi due amanti,
gli regala la notte i suoi petali felici,
hanno diritto a tutti i garofani.

Due amanti felici non hanno fine né morte,
nascono e muoiono più volte vivendo,
hanno l'eternità della natura.

telefonata

Dopo un sms che diceva "dopo le tue parole di lunedì non ci sia niente altro da dire.TU HAI LA TUA VERITA' E TE NE SEI FREGATO DI ASCOLTARE LA MIA.Non sono più disposta ad essere sottoposta ciclicamente a tutto questo",lui mi ha chiamata.
Non mi ricordo nemmeno quello che ha detto ma ho solo sentito il suo TONO DI VOCE che si alzava.
In quel preciso momento ho capito che non avevo nessuna intenzione di ascoltare la sua solita "LAVATA DI CAPO"e gli ho detto che c'è un modo molto semplice per far sì che tutto ciò non accada più:CHIUDERE.
L'ho ripetuto un paio di volte,perchè lui continuava a parlare,a voce piuttosto alta (IO NON LO SOPPORTO E' PIU' FORTE DI ME),e poi ha detto VA BENE,CIAO.
CIAO.

come sto?
disorientata.
confusa,ma incazzata.
sarà colpa del mio karma?
O', ma li incontro tutti io..?
UFFAAAAAAA!!!!!!!!!!!!

il senso delle parole

stamattina ho avuto una splendida idea: dopo essere andata a consegnare i registri in segreteria(il che segna l'inizio ufficiale delle VACANZE),ho detto a mia figlia "andiamo a roma,ti faccio un regalo per la tua promozione".
ieri abbiamo preso la sua scheda e devo dire che è stata proprio bravissima: è migliorata in tutte le materie,dopo un inverno davvero pesante e difficoltoso,per me e per lei.
cmq,siamo partite consapevoli del caldo torrido che avremmo trovato(la mia vecchia Uno non ha il clima)ma volevamo fare una toccata e fuga,già sapendo dove andare e cosa comprare.
CALDO TROPICALE,TRAFFICO INTENSO.
arriviamo a roma e quello che cercavamo non c'è!!!!
MALEDIZIONE.
abbiamo optato quindi per la libreria (non si va al centro commerciale senza far nemmeno una visitina veloce alla libreria!)
uscendo dalla libreria squilla il cellulare...siccome il mio è in riparazione,i numeri sono tutti nel vecchio e quindi non so mai a chi rispondo,da ieri sera...
era O.
tre giorni e mezzo di silenzio.
dice:
"vorrei parlarti,senza litigare,con calma,perché,indipendentemente da come andranno le cose tra noi,io vorrei restare IN BUONI RAPPORTI CON TE."(oh my god)
mi sento a disagio.
"guarda sono a roma,non so quando torno"
"no,ma io non dicevo OGGI!"
(aaaaaah,ecco!!!!)
"ora ci penso"dico,con il tono di voce più incolore che riesco ad inventare..
"va bene,buona giornata..."dice
"ciao"dico
finito.
(SENSO DI NAUSEA,RABBIA MESCOLATA AD UNA GRANDE VOGLIA DI SPACCARE QUALCOSA.)

mi scende una lacrima,che asciugo prontamente : perché?

non ce la farò mai a vederlo e parlare con lui.
non riesco nemmeno ad immaginarmi,a parlare con lui.
il solo pensiero mi fa venire la pelle d'oca.
dopo quel dialogo isterico e inutile,io non credo di aver più niente da dirgli.
però,che non ho più niente da dirgli,dovrei dirglielo.
oppure no?

se le parole hanno un senso,quello che lui ha detto quel giorno ha definito in maniera inequivocabile ciò che pensa di me,anche se dice che io ho capito male.

io credo che non riuscirò mai più a parlare con lui.

giovedì 28 giugno 2012

spostare la polvere

ho iniziato a mettere le mani in questo CAOS PRIMORDIALE,stirando la quantità mostruosa di panni accumulatisi nel tempo sulla tavola da stiro.
ho quasi finito...
oggi,come ciliegina sulla torta,è venuto giù anche l'altro scaffale dell'armadio a muro dell'ingresso,trascinando con sè l'asta di acciaio a cui erano appese almeno una ventina di stampelle con relativi indumenti :UNA CATASTROFE IMMANE.
ho scoperto che su quel ripiano crollato per il peso,erano ammucchiati libri,appunti e cartelline di quando mio marito ha fatto l'università.
CIOE'.
ma tutta questa roba,cosa ci fa ancora dentro casa mia?nel mio armadio?su uno scaffale che ha retto finora ma poi(inevitabilmente)è precipitato giù portandosi dietro TUTTO il resto?
ora ho diligentemente ammucchiato QUESTA ROBA STRAVECCHIA sul pavimento,in attesa che il suo legittimo proprietario se la riprenda e ne faccia quel che vuole,compreso darle fuoco.
intanto,ho dovuto chiamare di nuovo il falegname.
altre spese,c***o.

stamattina poi mi chiama la mia collega di classe,agitatissima, per dirmi che è sparito uno dei registri che dobbiamo consegnare domani.
COOOOOSAAAA??????
ho urlato io,e mi è venuta un'ansia incontrollata:e che cavolo!!!!
siamo andate a scuola insieme e abbiamo messo sottosopra tutti gli armadi e i cassetti,cercando di ricordare l'ultima volta che il famoso registro era stato nelle nostre mani..
torniamo a casa e cerchiamo lì,ci siamo dette,e io continuavo a ripetere che no,non poteva stare nè a casa mia nè a casa sua,perchè lo avevamo messo nel cassetto della cattedra!!!!
a casa,mi viene un'illuminazione: mia figlia l'altro giorno(piena di buoni propositi) ha MESSO IN ORDINE IL SALONE.
e naturalmente,tra le cose MESSE A POSTO COSI' BENE DA NON TROVARLE PIU',c'era il nostro benedetto registro.
MENOMALE.

il resto.
beh sì,ho cominciato ad aprire cassetti,sportelli,dando occhiate inorridite di qua e di là,mettendomi le mani tra i capelli e scuotendo la testa,scoraggiata ...ma per ora...non intraprendo alcuna attività che si possa definire tale ,visto che le vacanze cominciano ufficialmente da domani,dopo la consegna dei registri....
in realtà,come diceva mia nonna "sposto solo la polvere".

tanto,l'estate è lunga..................................................................................................................................


il cielo in una stanza


there there


OPS..!

sì,avevo scritto in origine NON CI SARO',ma poi tra le varie correzioni e le varie anteprime,quel NON è saltato...strano,ma vero...
un'omissione dell'inconscio...
sono rimasta molto male per questo fatto:
radiohead in italia e io,qui.
DAVVERO MOLTO MALE.
chi mi conosce bene sa cosa vuol dire per me.
chi mi conosce bene sa che avrei dato qualunque cosa per esserci.
chi mi conosce bene può capire la delusione.
infatti,ci avevo fatto un post apposta...
per DIRE la mia delusione.

per dirla a me stessa,
per dirla.

mercoledì 27 giugno 2012

I'M A WEIRDO


lotus flower

                                                   
                                               
                                                       "there's an empty space inside my heart.."

codex(radiohead)

Destrezza
Salta
In un lago limpido
Nessuno in giro

Solo libellule
Fantastica
Nessuno si faccia male
Non hai fatto nulla di male

Fai scivolare la tua mano
Salta
L'acqua è trasparente e innocente
L'acqua è trasparente e innocente

radiohead live



trentagiugnoduemiladodici:
RADIOHEAD
LIVE 
A
ROMA.


e io,
 ci sarò.

martedì 26 giugno 2012

achmatova

AH, TU PENSAVI
Ah, tu pensavi che anch’io fossi una
che si possa dimenticare
e che si butti, pregando e piangendo,
sotto gli zoccoli di un baio.
O prenda a chiedere alle maghe
radichette nell’acqua incantata,
e ti invii il regalo terribile
di un fazzoletto odoroso e fatale.
Sii maledetto. Non sfiorerò con gemiti
o sguardi l’anima dannata, 
ma ti giuro sul paradiso,
sull’icona miracolosa
e sull’ebbrezza delle nostre notti ardenti:
mai più tornerò da te.

 anna achmatova

silenzio

nessun segno d vita da O.
certo,sa elaborando LA RABBIA.
senza considerare che,stavolta,
chi ne ha PIENE LE TASCHE
(voglio evitare volgarità)
qui,
sono io.

molto di questo ultimo episodio,
mi ha riportato
indietro nel tempo
(non molto,qualche mese...
...forse un anno?due?
ho perso il conto)
quando un altro uomo
traduceva
in forme variegate di possesso,
il suo amore 
per me,
facendomi male.

ma questo argomento è tabù,
(sono stata "gentilmente"
invitata a
glissare,
a questo proposito)

il silenzio,
comunque,
parla,
e parla parole pesanti,
pesanti come 
la mancanza,
come la distanza,
come l'indifferenza,
come la noncuranza.


ma quando sai 
di essere stata accusata
ingiustamente,
e ingiustamente
messa in stand by,
allora no:
allora si trasforma in 
qualcosa 
di altro.

scrivo,
scrivo compulsivamente 
a mano,
dovunque,
e dove trovo spazi bianchi,
li riempio di parole,
di inchiostro e pensieri,
pensieri arruffati,
violenti,
potenti.
MIEI.


LA RABBIA FA MALE,
PUO' FARE VERAMENTE  MALE...


lo sai?




monologo(ultimo tango a parigi)


haiku


Colori lievi
Solo camelie
Nella foschia mattutina
Mizuhara Shūōshi (1891-1981)

klimt


le tre parole più strane

Quando pronuncio la parola Futuro
la prima sillaba va già nel passato.

Quando pronuncio la parola Silenzio,
lo distruggo.

Quando pronuncio la parola Niente,
creo qualcosa che non entra in alcun nulla.


W.Szymborska

bobby long


lunedì 25 giugno 2012

alessandro mazzà

Poesia non emette giudizi:
voi siete liberi di produrre bruttezza quotidiana
e lei è libera di vomitarvi in faccia.


Poesia è pigra e quindi
produce urli ed emblemi
e scorciatoie, sempre per forza violente.

Poesia dice sempre soltanto
come sì, e cosa non.

Poesia come il dolore non ha un sapore rosso:
ce l’ha di più qualcosa di non rosso,
come il buio come un mirtillo come una rosa uccisa bianca.

Poesia è viva per abrogare parole utili
quasi tutte con la c, come cavia, cuore, croce.

Si scrive col sangue alla testa.
Si scrive urgenti e violenti.
Si scrive sempre chiamando.

Si scrive che si scrive che si scrive.

Ma si mente, io dovevo farlo, lo sapevo già, prima
che tutto il sangue mio che è lo stesso suo mi abbandonasse
.

magnolia

un film culto
una colonna sonora splendida
un cast grandioso,
e un tom cruise nella interpretazione migliore della sua carriera.

UN FILM CHE TI TOCCA NEL PROFONDO.

LEAVE ME

forse non sono la persona adatta a te,
hai detto.
oh,maddai....
me lo hai detto già parecchie volte prima d'ora.
vattene,allora.
LASCIAMI.
abbi questo coraggio e cancella con un gesto,
coraggioso,
tutto quello che di bello,
bellissimo,
c'è stato tra noi in questi mesi
semplicemente
per una
INTERPRETAZIONE SBAGLIATA.
in realtà,
hai creduto che fosse una cosa
e invece era un'altra cosa.
le persone sbagliano,
e tu sei un essere umano come gli altri,
anche se
a volte
ha la pretesa di essere un gradino
più su
della media
dei poveri idioti dei tuoi
"fratelli" maschi.

fai una cosa DEGNA:
LASCIAMI.

A VUOTO

il telefono che squilla a vuoto.
una volta
può essere un caso.
due volte,
inizi a pensare che forse nn è il momento giusto.
tre volte,
DISAGIO,
quattro volte,
DEVI SMETTERLA,
(nn lo chiamerai mai più).
cinque volte,
PAURA.
sei volte,
ormai è chiaro...


(devo stare ferma con le mani,
devo stare ferma con i pensieri,
devo stare ferma.
FERMA)



un telefono che squilla a vuoto
fa più male di uno schiaffo
in piena faccia,
perchè
la mano che ti colpisce ti tocca,
ti considera,
ti parla,
anzi,
ti urla,


invece
così
è
solo
DISTANZA,
ostentata,
palese,
sottolineata,
sfacciata
DISTANZA.


stai mettendo DISTANZA
tra noi,
e sai 
fin troppo bene,
cosa vuol dire
questo,
per me


un telefono che squilla a vuoto
è una risata di scherno,
è un voltarti le spalle
con noncuranza,
è rabbia tradotta in silenzio,
la congiura del silenzio:
non sei il primo
e non sarai l'ultimo...
dovrei esserci abituata,
ma non è così.


un telefono che squilla a vuoto
è
una crudeltà
gratuita,
TI DICE NO,
e non puoi replicare,
chiedere,
spiegare.






facile,
nella sua innocente ferocia,
fa male,
fa sempre male...
anche quando te l'aspetti,
anche quando
hai da poco elaborato
la volta  precedente,
LA VOLTA PRECEDENTE


(e dentro senti che 
non ne puoi sopportare 
ancora.
no,
non puoi più...)



boys don't cry


Kieslowskj(la doppia vita di Veronica)


patti smith



...because the night belongs to love...

domenica 24 giugno 2012

forse

forse dovrei davvero darmi una calmata,
sono sempre in ansia,sempre in allerta,sempre tirata,
perchè
nn lo capisco,eppure la scuola è finita,
devo completare il registro,è vero,ma è roba da poco,
è che da sola nn ce la faccio
 a contenere il caos che regna sovrano in questa casa,
ci provo,ma mi sembra di essere fagocitata dagli oggetti,
che nn so dove andare a sistemare perchè
spazio vuoto nn ce n'è più.
e questo mi procura uno stato di confusione
che nn so gestire,
lui mi rassicura:
fai una cosa alla volta,
senza fretta,
e stai rilassata.
SE...
E'UNA PAROLA.
ho comprato un dvd con i 5 tibetani:
esercizi yoga da fare la mattina
per avere energia e calma,
e salute.
ovvio che nn li ho mai iniziati.
come nn sto facendo gli esercizi che lui mi ha preparato,
aspettando tempi migliori...
ma nn esistono tempi migliori.
ESISTE QUI E ORA,
e tutto il resto è solo
ILLAZIONE.
sì,ma quando alla teoria farò seguire la pratica?
mah.

sabato 23 giugno 2012

dieci inverni


...
"Un film nel quale le ingenuità non sono sinonimi di superficialità e non è la volontà di stupire che muove le cose (l'idea ricorda, tra gli altri, Un amore diTavarelli, pur su altri toni), ma stupisce piacevolmente la cura posta al racconto, nelle accezioni di buona fattura e di affettuosa dedizione."

MARIANNA CAPPI
(MY MOVIES)

pablo picasso(two nudes and a cat)

pessoa

Ho posato la maschera e mi sono visto allo specchio
Ero un bambino di tanti anni fa
Non ero cambiato per niente.

E’ questo il vantaggio di sapersi togliere la maschera.
Si è sempre il bambino, il passato che resta, il bambino.

Ho posato la maschera, e me la sono rimessa.
Così è meglio.
Così sono la maschera

E ritorno alla normalità come a un capolinea.

KLIMT


il primo bacio

È il primo sorso che si beve dalla coppa del nettare della vita, che la dea ha riempito per noi. È la linea divisoria tra il dubbio che intrica lo spirito e rattrista il cuore, e la certezza che inonda di gioia l'io. È il primo inizio del canto della vita e il primo atto del dramma dell'Uomo considerato nella sua Idea. È il vincolo che unifica l'estraneità del passato con la luminosità del futuro; il nesso tra il silenzio dei sentimenti e il loro canto dispiegato. È una parola espressa da quattro labbra che dichiarano il cuore un trono, l'amore un re, e la fedeltà una corona. È il tenero tocco delle delicate dita di una brezza sulle labbra della rosa, che s'esprime in un sorriso di appagamento e in un dolce gemito.
È l'inizio di quella magica vibrazione che trasporta gli innamorati dal mondo dei pesi e delle misure al mondo dei sogni e delle rivelazioni.
È l'unione di due fiori odorosi; e la mescolanza delle loro fragranze verso la creazione di una terza anima.
Come il primo sguardo è come un seme che la dea ha lanciato nel campo del cuore umano, così il primo bacio è il primo fiore dell'estremità del ramo dell'Albero della Vita.


K.GIBRAN

ESTATE


venerdì 22 giugno 2012

aspetto qui

ho accompagnato mia figlia alla seduta settimanale di terapia,e dopo un viaggio al limite della follia(40 gradi dentro e fuori la macchina e NO CLIMA)sono qui ad aspettare che esca.
ci sono alberi dovunque,uccellini che si chiamano e trillano da una parte all'altra del grande parco che circonda questa meravigliosa villetta.
sono ferma con gli sportelli aperti(quelli dietro,perchè una volta per tenere aperti quelli davanti ho scaricato la batteria...EH GIA'!!!)vicino ad una grossa siepe di lavanda,il cui profumo arriva ad ondate,col vento,ed è incantevole.
peccato i miliardi di insetti di ogni genere(comprese le zanzare)che popolano questo angolo di paradiso,ma la prossima volta mi porto l'autan.
domani O.va al solito meeting della sua Company,e io sto già pensando a come organizzarmi la domenica,che passerò da sola.
domani passi,ma la domenica,si sa,è un giorno TERRIBILE,se ti senti sola...
ieri sera sono stata da lui,e ogni volta che vado a casa sua,mi stupisco per come io mi senta a mio agio in quella minuscola mansarda linda e ordinata,essenziale,quasi zen.
oggi non lo vedrò,e nè domani nè dopodomani.
è così,non voglio starci male nè angustiarmi per questo.
"portami sempre con te,qui dentro",mi dice,appoggiandomi una mano aperta sul cuore,"io faccio così quando sei lontana".
sì,qui dentro,sempre...


leonard


If you want a lover 
I'll do anything you ask me to 
And if you want another kind of love 
I'll wear a mask for you 
If you want a partner 
Take my hand 
Or if you want to strike me down in anger 
Here I stand 
I'm your man 
If you want a boxer 
I will step into the ring for you 
And if you want a doctor 
I'll examine every inch of you 
If you want a driver 
Climb inside 
Or if you want to take me for a ride 
You know you can 
I'm your man 

Ah, the moon's too bright 
The chain's too tight 
The beast won't go to sleep 
I've been running through these promises to you 
That I made and I could not keep 
Ah but a man never got a woman back 
Not by begging on his knees 
Or I'd crawl to you baby 
And I'd fall at your feet 
And I'd howl at your beauty 
Like a dog in heat 
And I'd claw at your heart 
And I'd tear at your sheet 
I'd say please, please 
I'm your man 

And if you've got to sleep 
A moment on the road 
I will steer for you 
And if you want to work the street alone 
I'll disappear for you 
If you want a father for your child 
Or only want to walk with me a while 
Across the sand 
I'm your man 

If you want a lover 
I'll do anything you ask me to 
And if you want another kind of love 
I'll wear a mask for you

ora



ora
sappiamo tutto della notte

guarda che pioggia che piove
e tutto il mondo il silenzio
è tutto là fuori
un'acqua nera muta che gira placa smemora
e noi
qui

chiusi senza occhi

ci siamo tenuti, al freddo, al gioco
di queste mani, in cammino, in viaggio
dimenticanza che abbiamo
e che saremo, sempre, ora

che sappiamo tutto della notte

alessandro mazzà

(1994)

Anna Achmatova

lascio la casa bianca e il muto giardino
(Da 
Stormo Bianco)





Lascio la casa bianca e il muto giardino.
Deserta e luminosa mi sarà la vita.
Nessuna donna saprà cullarti
come io ti celebro nei miei versi:
non scordare la tua cara amica
nell’Eden che hai creato per i suoi occhi,
per me che spaccio una merce rarissima
e vendo il tuo tenerissimo amore.


Carskoe Selo, 27 febbraio 1913


the cure


mercoledì 20 giugno 2012

alessandro mazzà


  • Ho seminato le mie briciole
    di un pane ammuffito,
    i passerotti
    non le hanno mangiate, ma io
    ho perso la strada lo stesso.
    Ho costruito il mio rifugio
    con pagliuzze bruciate,
    il lupo l’ha creduto vuoto,
    ed è passato oltre;
    mi ha assalito invece
    la tribù degli orsi, appena uscito.
    Ho mangiato solo una mela
    non avvelenata,
    mi ha ucciso la fame.
    Mi sono punto col fuso
    non appuntito,
    e ugualmente mi sono addormentato,
    in braccio a tutti i nani mangiaorchi
    della casa in cima
    all’albero del sonno
    e dei fagioli d’oro.

    Ho raccontato le mie storie
    alla penna senza inchiostro,
    al tempo scaduto,
    al buio della voce, della comprensione,
    alle attese inutili,
    e mai, mai premiate,
    al volto non mio nello specchio spento,
    alle finestre chiuse, a tutte
    le bocche aperte
    ad ascoltare.

    Alle invenzioni, all’invenzione
    che non esista
    ciò che è inventato.

martedì 19 giugno 2012

SENZA TITOLO

niente,non riesco a levarmelo dalla testa,e lo rivedo di continuo,la testa reclinata,abbandonata sul bordo del bidone,qlc per pietà l'ha fotografato in modo che non si vedessero gli occhi...GLI OCCHI...ma ve li immaginate gli occhi di questa povera creatura lasciata morire dentro una massa nera,puzzolente e appiccicosa?
chi avrà avuto il coraggio di guardarli,quegli occhi?
CHI?
E CHI,PUR AVENDOLI GUARDATI,NON HA MOSSO UN DITO PER FARE QUALCOSA PER QUELLA VITA CHE SI SPEGNEVA?
cosa si può dire ancora,se non che è inesplicabile e inconcepibile assistere ancora a cose del genere.
chi non ha pietà per una animale indifeso,non ne ha neanche per un bambino,per una donna...per una persona diversamente abile...
l'orrore mi fa sentire una nausea forte,violenta...
NON SI PUO'CHIAMARE "ESSERE UMANO"CHI GIRA LO SGUARDO ALTROVE DI FRONTE ALLA SOFFERENZA.

DIFFONDETE(da ALTROCONSUMO)


YOGHURT ACTIVIA E ACTIMEL


                             
DANONE COSTRETTA A RITIRARE LA SUA PUBBLICITA' MENZOGNERA DOPO 15 ANNI DI MARTELLAMENTO E DI DANNI.

La pietra lanciata dal ricercatore francese Didier Raoult nella prestigiosa rivista scientifica « Nature » di settembre 2009 viene finalmente alla luce.

Secondo il direttore del laboratorio di virologia di La Timone di Marsiglia, i yogurt e altre bevande lattee imbottiti di probiotici che ci sono propinate da più di 20 anni avrebbero una grande parte di responsabilità nell'epidemia di obesità che colpisce i bambini.

I probiotici che Danone aggiunge ampiamente negli yogurt dovrebbero "stimolare" le difese immunitarie.

Un vasetto di Activia o di Actimel ne contiene più di un miliardo. Il problema è che questi batteri buoni "vivi ed attivi", dixit Danone, sono gli stessi di quelli utlizzati da tempo negli allevamenti industriali come attivatori di crescita per fare ingrassare più velocemente maiali e polli

Un maiale rimpizzato di probiotici significa aumentare il peso di più del 10%.

Danone spinge dunque ad « allevare » i nostri figli come dei maiali o dei polli....

All'inizio dell'anno, infatti, dei ricercatori hanno confrontato la flora intestinale degli obesi e dei non obesi. E... sorpresa, i primi erano zeppi di probiotici - proprio quelli che si trovano negli yogurt « santé plus ».
Didier Raoult commenta : « Gli attivatori di crescita utilizzati negli allevamenti sono stati autorizzati per l'alimentazione umana, senza cercare di sapere quale effetto avrebbero sui bambini ».

Inoltre, le vittime di questo inganno non sono solo i bambini: « Ho incontrato numerose donne tondette, anche se malnutrite, che tentavano disperatamente di dimagrire, limitandosi a mangiare alcuni yogurt al giorno piu qualche altra cosina. E... sconfortante disillusione, continuavano ad ingrassare, erano sempre più stanche e fragili, soprattutto in inverno, stagione in cui è indispensabile YANGHIZZARSI (SCALDARSI), mentre i yogurt sono iper YIN. Questo fatto è stato lo spunto dell'articolo « Aigle moqueur » apparso in «Pratiques de Santé » con il titolo « DIVENTATE XXL CON GLI YOGHURT »
I seminatori indipendenti di allarme sono riusciti a commuovere i servizi ufficiali prima che lo scandalo esploda. E finalmente stanno facendo pressione sul gruppo Danone, obbligandolo, secondo i termini delicati dei giornali «a rivedere i parametri» (Un mostro come Danone va trattato con riguardo...). Occorre realizzare che potrebbe essere un brutto colpo per la lobby poiché il gruppo Actimel Europe et Activia Europe pesano insieme > 1,5 milliardi di Euros sulla cifra totale di Danone di 15 milliardi,  ossia il 10 %.
Ma non preoccupiamoci troppo per questa impresa di imbroglioni, perché tra le loro manovre discrete ed abili di ritiro pubblicitario e le dipendenze di numerosi consumatori, non vi è proprio urgenza impellente, nell'attesa che inventino un'altra "insalata di moda..."

Fate circolare l'informazione....

DIFFONDETE(da ALTROCONSUMO)


Il latte ha una scadenza.
Il latte scaduto non venduto viene mandato di nuovo al produttore che PER LEGGE
può effettuare di nuovo il processo di pastorizzazione a 190 gradi e
rimetterlo sul mercato. Questo processo PER LEGGE può essere effettuato
fino a 5 VOLTE.
Il produttore è obbligato a indicare quante volte è stato effettuato il processo, e in effetti lo indica, ma a modo tutto suo, nel senso che chi si è mai accorto che il latte che sta bevendo è
scaduto e ribollito chissà quante volte?Il segreto è guardare sotto il
tetrabrick e osservare i numerini
Ci sono dei numeri 12345. Il numero che manca indica quante volte è scaduto e poi ribollito il
latte.
ES: 12 45 manca il “tre”: scaduto e ribollito 3 volte.
Ma non finisce qui, perché  in una scatola da 12 buste ci saranno alcune buste
dove manca il numero e altre dove ci saranno tutti i numeri. Attenzione
tutto lo scatolone avrà ricevuto questo trattamento. In questo modo le
aziende si arricchiscono, riciclando di fatto il latte scaduto, e chi
ne paga le conseguenze siamo noi che di fatto beviamo acqua sporca


DIFFONDETE !!!


DIFFONDETE(da ALTROCONSUMO)


Notizia dalla rivista ALTROCONSUMO.
 
 

Fazzoletti profumati pericolosi. Ci mancava anche questa!

Ne sentivamo proprio il bisogno di un altro prodotto tanto pubblicizzato quanto potenzialmente pericoloso!
Come riporta il sito dell'associazione altroconsumo ,  ( http://www.altroconsumo.it/pubblicita/occhio-al-fazzoletto-profumato-s237683/attenzione-a-p12200.htm) i nuovi fazzoletti Tempo Complete Care si presentano come ideali per il raffreddore. Profumati con alcune gocce di naturale olio di eucalipto promettono di lenire gli arrossamenti al naso e favorire la respirazione. Oltre all'eucalipto (di cui però parleremo fra poco) ci sono anche altri ingredienti chimici e tossici (??!!).
Sono due sostanze chimiche considerate emollienti (di cui una è un derivato petrolifero: petrolatum mineral oil) e quattro sostanze chimiche profumanti che possono provocare allergie (hexyl cinnamal, limonene, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyd, buthylphenyl methylpropional).
E la cosa simpatica è che sulla sulla confezione troviamo l'avvertenza "evitare il contatto con gli occhi" . Cosa certo molto facile dato che il naso e gli occhi distano almeno 25 centimetri e che poi i fazzoletti non si usano di solito anche per le lacrime. Se non fosse tragico sarebbe da ridere.
Per quanto riguarda l'olio essenziale di eucalipto, sebbene sia un prodotto naturale, è stato segnalato dall'agenzia francese per la sicurezza dei prodotti cosmetici come potenzialmente nocivo per i bambini al di sotto dei tre anni di età (possibili effetti neurologici) ed infatti in Francia ne è stato vietato l'utilizzo come ingredienti nei prodotti dedicati ai bebè.
LO SO,  E' INCREDIBILE MA FORSE E' MEGLIO FARLA GIRARE IL PIU' POSSIBILE.

 

l'orrore si chiama "essere umano"


RIPORTO QUESTA NOTIZIA MA SO CHE PER UNA CHE VIENE PUBBLICATA E RESA NOTA,CE NE SONO ALTRE CENTINAIA OGNI GIORNO CHE PASSANO SOTTO SILENZIO.

VERGOGNA.
REGGIO CALABRIA / Una terribile vicenda di indifferenza e inciviltà.
 Un cane di taglia media, venerdì sera, 
è rimasto intrappolato in una tanica di catrame nella frazione di Sambatello
 a Reggio Calabria, e lasciato morire poiché randagio.
Il cane, dopo essere caduto nella trappola mortale,
 aveva abbaiato attirando l’attenzione di alcuni cittadini,
 che avevano chiesto l’intervento di autorità, Asl e forze dell’ordine per
 liberarlo.
 Dopo diverse ore e insistenze, un veterinario dell’Asp è arrivato a verificare
 la situazione
 ma vedendo che si trattava di un randagio, ha deciso di lasciarlo al suo 
destino.
Ora la Federazione Italiana Associazione Diritti Animali e Ambiente alla quale 
aderiscono le associazioni animaliste Enpa, Lav, Lega del cane e altre chiedono
 chiarificazioni in merito: “Colpisce la sostanziale indifferenza con cui le autorità
 preposte dalla legge a intervenire quando i cittadini segnalano la presenza di un 
animale in difficoltà, hanno lasciato morire questo povero cane. Se è mancato
 il senso 
del dovere, che fine ha fatto il buon cuore? Fatti simili non sono accettabili
 e denotano
 la totale mancanza di civiltà e di sensibilità”.
L’onorevole Michela Vittoria Brambilla ha chiesto l’intervento della magistratura
 per
 individuare i responsabili.
“Chi ha sbagliato, deve pagare, non si può tollerare una simile indifferenza:
 in un paese civile la vita di tutte le creature è un valore assoluto e un
 simile grado
 di arretratezza morale non rispecchia il grande cuore del paese. 
E noi non daremo più tregua a chi svolge con superficialità e 
pressapochismo 
il proprio lavoro, causando la morte di animali indifesi.”

comprare online

è da un po' che faccio acquisti online,niente di costosissimo nè introvabile,ma alcune cosette che mi fanno cmq risparmiare qualche euro e che arrivano a casa evitandoti lo stress da shopping.
ora,ho comprato un profumo di guerlain introvabile in italia per mia figlia,che sta usando quelle poche gocce ancora rimaste nella bottiglia gioiello del famoso profumo uscito in edizione limitata.
l'oggetto arriva dagli USA
l'ho pagato il primo di giugno.
ho scritto due volte al venditore per sapere quanto tempo ci avrebbe messo il pacchetto ad arrivare.
mi hanno risposto 2 o 3 settimane.
oggi mi arriva una raccomandata dall'aeroporto di Segrate:ci sono dentro 4 MODULI da riempire con le richieste più incredibili,in uno addirittura si parla di generi alimentari(come se uno comprasse CIBO dall'america!mah...)
lo sdoganamento dell'oggetto richiede 45 giorni di tempo dopo che i moduli prestampati siano stati rispediti via raccomandata,nonchè le fotocopie di:
carta d'identità,
codice fiscale,
ricevuta del pagamento effettuato,
e non so che altro...
il venditore mi ha venduto un oggetto facendomi pagare le spese di spedizione ma non ha affatto menzionato 'sta storia dello sdoganamento
è stato scorretto(E GLIEL'HO SCRITTO)
non solo,ma se avessi saputo che dovevo poi anche andare alla posta e fare una raccomandata(che con tutto quello che ci devo mettere dentro peserà almeno mezzo chilo)non avrei di certo acquistato l'introvabile profumo,senza il quale viviamo benissimo lo stesso.
ho scritto una mail al venditore,e tre messaggi ad e bay,che non ha ancora capito di  cosa diavolo io stia parlando,infatti mi risponde una cosa per un'altra...
accidenti.
STAVOLTA PERO' MI ARRABBIO DAVVERO.
sono socia di Altroconsumo e se non mi ridanno i soldi sborsati parlerò con l' avvocato.
E CHE CAVOLO.

lunedì 18 giugno 2012

buonanotte

buonanotte a chi anche oggi mi ha regalato gioia con gli occhi,i gesti e le parole,

buonanotte ad una ragazzina di 13 anni che riesce a dormire in una cameretta che sembra il bazar di un suk,

buonanotte al mio papà,che alla bella età di 86 anni ancora accudisce una figlia "normale"fuori casa ma "ingestibile"in casa,

buonanotte a mio marito,che ultimamente sembra essere più collaborativo,meno attaccato al denaro,

buonanotte ai miei due gatti che in questi giorni di caldo infernale soffrono,e sono nervosi,e mangiano poco,

buonanotte al mio dentista che mi ha fatto la pulizia dei denti e non ha voluto un euro,

buonanotte a chi mi ama,a chi è riesce a leggere davvero dentro il mio cuore,accogliendomi,e ascoltandomi,

buonanotte a chi di notte lavora,qualsiasi lavoro faccia,

buonanotte a silvio che avrà un esame a breve(e in bocca al lupo...),

buonanotte a me,che cerco ogni giorno di dare un senso alle ore,ai minuti,al presente...visto che nel presente ho deciso di vivere,e di vivere meglio che posso.....

BUONANOTTE A CHIUNQUE PASSERA'DI QUI,DURANTE QUESTA NOTTE...

adele


TAGORE:SE TU NON PARLI

Se tu non parli
Riempirò il mio cuore del tuo silenzio
E lo sopporterò.
Resterò qui fermo ad aspettare
Come la notte 
Nella sua veglia stellata
Con il capo chino a terra
Paziente.


Ma arriverà il mattino
Le ombre della notte svaniranno
E la tua voce
In rivoli dorati inonderà il cielo.
Allora le tue parole 
Nel canto
Prenderanno ali
Da tutti i miei nidi di uccelli
E le tue melodie
Spunteranno come fiori
Su tutti gli alberi della mia foresta.

nothing compares 2 u


YOU(radiohead)


bubble boy

Questo delizioso film è interpretato da un Jake Gyllenhall giovanissimo e narra le vicende di un ragazzo nato senza anticorpi,e costretto quindi a vivere dentro una "BOLLA"di plastica(da qui il titolo).
Jimmy però,dopo un'infanzia e parte dell'adolescenza trascorse dentro la bolla con una madre-virago che gli somministra,insieme al cibo una visione del mondo limitata e limitante,si innamora di una ragazza vicina di casa e quando lei gli annuncia il suo matrimonio,Jake si rende conto di essere follemente innamorato di lei e scappa di casa con l'intento di impedire le nozze.
E'un film on the road,ed è infatti lungo questo viaggio verso "Le cascate del Niagara"(luogo del matrimonio)che Bubble Boy incontrerà un'umanità varia e variegata,e affronterà pericoli e situazioni al limite dell'assurdo, sempre con un candore e un'innocenza straordinari,e a volte commoventi.
Jake è perfetto nel ruolo,ma notevoli sono anche gli altri attori.
E'un piccolo film cmq piacevole da vedere,pieno di ironia,e con qualche frecciatina nei confronti  dell'ipocrisia e del moralismo yankee.

domenica 17 giugno 2012

Saba


Senz'addii m'hai lasciato e senza pianti;
devo di ciò accorarmi?
Tu non piangevi perchè avevi tanti,
tanti baci da darmi.
Durano sì certe amorose intese
quanto una vita e più.
Io so un amore che ha durato un mese
e vero amore fu.

Umberto Saba