l'orrore si chiama "essere umano"


RIPORTO QUESTA NOTIZIA MA SO CHE PER UNA CHE VIENE PUBBLICATA E RESA NOTA,CE NE SONO ALTRE CENTINAIA OGNI GIORNO CHE PASSANO SOTTO SILENZIO.

VERGOGNA.
REGGIO CALABRIA / Una terribile vicenda di indifferenza e inciviltà.
 Un cane di taglia media, venerdì sera, 
è rimasto intrappolato in una tanica di catrame nella frazione di Sambatello
 a Reggio Calabria, e lasciato morire poiché randagio.
Il cane, dopo essere caduto nella trappola mortale,
 aveva abbaiato attirando l’attenzione di alcuni cittadini,
 che avevano chiesto l’intervento di autorità, Asl e forze dell’ordine per
 liberarlo.
 Dopo diverse ore e insistenze, un veterinario dell’Asp è arrivato a verificare
 la situazione
 ma vedendo che si trattava di un randagio, ha deciso di lasciarlo al suo 
destino.
Ora la Federazione Italiana Associazione Diritti Animali e Ambiente alla quale 
aderiscono le associazioni animaliste Enpa, Lav, Lega del cane e altre chiedono
 chiarificazioni in merito: “Colpisce la sostanziale indifferenza con cui le autorità
 preposte dalla legge a intervenire quando i cittadini segnalano la presenza di un 
animale in difficoltà, hanno lasciato morire questo povero cane. Se è mancato
 il senso 
del dovere, che fine ha fatto il buon cuore? Fatti simili non sono accettabili
 e denotano
 la totale mancanza di civiltà e di sensibilità”.
L’onorevole Michela Vittoria Brambilla ha chiesto l’intervento della magistratura
 per
 individuare i responsabili.
“Chi ha sbagliato, deve pagare, non si può tollerare una simile indifferenza:
 in un paese civile la vita di tutte le creature è un valore assoluto e un
 simile grado
 di arretratezza morale non rispecchia il grande cuore del paese. 
E noi non daremo più tregua a chi svolge con superficialità e 
pressapochismo 
il proprio lavoro, causando la morte di animali indifesi.”

Commenti

  1. NON HO PUBBLICATO LA FOTO DELLA POVERA BESTIOLA PERCHE'NON CE L'HO FATTA...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

abbasso la squola