martedì 6 marzo 2012

tenerezza

domenica ero così disperata che ho chiamato S.
ebbene,sì,proprio lui...
avevo giurato e spergiurato che non sarebbe accaduto mai più,e invece.
insomma,ero lì al telefono con l'amore più grande della mia vita(che mi ha lasciato dopo mesi di tragicomiche vicende)e piangevo per un'altro:ESILARANTE,no?
ho pensato:chi se non lui può ascoltarmi e consolarmi e anche darmi un consiglio(sufficientemente disinteressato)sull'  "affaire O."?
insomma,mi ha ascoltato e io lacrimavo come un vitello,e gli raccontavo anche ciò che non avrei dovuto raccontare(ad esempio che O.aveva subito messo in chiaro che non cercava una compagna...EH GIA')
ieri sera mi ha richiamata,per sapere come stavo(dolce,lui...)dicendomi che aveva riflettuto sulla cosa e aveva fatto alcune considerazioni.
e che non devo sempre sentirmi colpevole,a volte sono anche gli altri che sbagliano(certo,detto da S.suona piuttosto buffo...)
ho dimenticato tutte le brutte cose che ci siamo detti,e il dolore devastante che mi ha avvelenato la vita negli ultimi due anni circa...
ho dimenticato,e perdonato.
e con questo,ho messo finalmente un punto alla nostra bellissima ma ahimè conclusa storia.


12 commenti:

  1. come hai fatto a trovarmi?????? adesso sono troppo preso per leggere il tuo blog, ma me lo segno tra quelli da cui ricevo gli aggiornamenti e leggerò tutto ma proprio tutto.....

    RispondiElimina
  2. ho trovato il tuo blog per caso,sei tra i "preferiti"di "il vento nei capelli"(blog che seguo),e nello stesso modo ho ritrovato anche altre persone che seguivo su splinder...una vera fortuna ritrovarsi,così mi sentirò meno sola!!!!
    baci,
    stefy

    RispondiElimina
  3. niente da fare: moltissimi non riescono a pensare che rendere felice una donna è appagante in sè

    RispondiElimina
  4. ok Stefi,ho letto con abbastanza attenzione questo nuovo blog. come nel vecchio, ti dico che credo che tu debba innanzi tutto guardare a te stessa ma soprattutto affrontare la vita (e le relazioni con il genere maschile) con leggerezza e come se fosse un percorso in discesa. credo che ne troverai enorme giovamento. poi se non ricordo male sei romana, e figurati già vivere lì è una enorme fortuna !

    RispondiElimina
  5. con leggerezza,dici, francesco...sì,credo che io sia proprio carente in questa capacità!ho provato a cambiare,credimi,ma se cerco di essere come non sono tradisco me stessa...e poi non mi viene tanto bene!
    ci deve essere qualcosa che non va proprio nel mio relazionarmi al mondo maschile:sto cercando di capire,ma nel frattempo continuo ad incontrare uomini che non capisco e non mi capiscono,e le cose si complicano!!!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. un compagno di vita,un uomo cn cui percorrere un tratto di strada,lungo o corto che sia non importa,l'importante è che dentro ci sia tutto:amore,passione,rispetto,fiducia,gioco,complicità...
    dici che chiedo troppo? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma guarda che è anche quello che chiede la maggior parte degli uomini

      Elimina
  8. (ho riscritto la risposta cercando di essere più precisa e ho eliminato la prima)

    RispondiElimina
  9. @francesco:forse la maggior parte degli uomini che NON HO INCONTRATO...
    mah...sarà questione di Karma...?

    RispondiElimina
  10. se la metti sul karma ti dico che uno/a trova quello che cerca..... ho troppi esempi di donne attorno a me che sono bravissime nel cercare stronzi.... parlo della mia esperienza, ovvviamente nel tuo caso non posso esprimermi, e ci mancherebbe.....

    RispondiElimina