mercoledì 30 maggio 2012

day and night

ieri ho scritto un post molto frivolo,direi...superfluo.
ma ero così elettrizzata dal fatto che le cose,a proposito del mio pavimento pelvico,andassero meglio che mi sono voluta concedere un attimo di LEGGEREZZA,da condividere con voi che mi leggete.
oggi,è di nuovo quasi buio,e so anche il perchè...
no,la salute va benino,sto mettendo in pratica i consigli preziosi delle mie amiche cisti-girl,che hanno prontamente risposto con precisione e competenza a tutti i miei dubbi:mi sento meno sola.
ieri in seduta parlavamo di questo e la mia psy mi racconta della figlia di una sua amica che soffre di cistiti da tanto tempo,e ha visto un sacco di medici,e alla fine"le hanno detto che era una cosa psicologica".
OHIBO'.
e tutto quello che ho detto per anni a proposito di contratture,dolore pelvico cronico,infezioni ripetute,vulvodinia e vestibolite?
niente da fare:non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.
non è un PROBLEMA PSICOLOGICO,è una NEUROPATIA,e di conseguenza si cura come ogni altra malattia.
è chiaro:la componente psicosomatica interviene in qualsiasi tipo di problema fisico.
sarebbe assurdo asserire che la gastrite non abbia basi psicosomatiche...
però,NON E'CHE QUESTA STORIA DELLA CONTRATTURA DEI MUSCOLI PELVICI SIA UN FATTO PSICOLOGICO E STOP.
'sta cosa mi fa incazzare.
e' il tipico atteggiamento di chi NON SA DI COSA STIAMO PARLANDO,e non lo vuole nemmeno sapere.
mah...sarà che ormai ne ho sentite tante di storie di donne liquidate dai medici che dicono loro"il problema è nella sua testa,signora",che non ne posso più.
e poi.


poi c'è la mia vita che grida un bisogno di libertà ormai sempre più prepotente...e vorrei fare tutte quelle cose che non ho potuto fare finora,ma che desidero da tanto.
una piccola vacanza con un'amica.
imparare a pattinare.
riprendere a scrivere.
riprendere a tradurre.
riprendere a fare progetti.
alcune di queste cose richiedono disponibilità di tempo,che devo assolutamente pretendere di avere.
mio marito mi HA CONCESSO una sera libera ogni due settimane(mia figlia va a dormire da lui il sabato sera due volte al mese)
gli ho chiesto:e perchè non tutti i sabati?
e lui: perchè io ho tante cose da fare,lavoro tutta la settimana.
ah.
ecco.
io,invece,no...?

1 commento:

  1. boh, prova col superenalotto, se vinci smetti di lavorare e sai quanto tempo libero... :-)

    RispondiElimina