lunedì 26 marzo 2012

caos

uno dei primi nick che ho usato su splinder è stato ladeadelcaos...
qualcuno ci ha anche fatto qualche battuta sopra,dicendo che era un po' equivoco(ma come sarà andato a pensare quel tizio che io volessi far pensare a  la dea del...BIP...mah...)
cmq,spiegavo a tutti che avevo scelto quel nome(avevo messo anche l'immagine,miracolosamente scovata in rete)perchè Eris era un personaggio di Sinbad e la leggenda dei sette mari,un cartone non disneyano,che mia figlia(al tempo piccolina)adorava...
Eris era bellissima,con lunghissimi e fluenti capelli nero petrolio,e lo sguardo ammaliatore:bella e spietata...
era esattamente così che avrei voluto essere,senza se e senza ma.
oltretutto era la DEA DEL CAOS(o della guerra,come riporta qualche fonte,ma alla guerra preferisco il caos...)e la cosa mi stava a pennello...
chi più di me,poteva dirsi esperta e assidua creatrice di CAOS?
un tempo ero disordinatissima e mi piaceva,nonostante le minacce e le ramanzine di chi mi viveva accanto(mia sorella prima,e mio marito dopo),ma ora no...vorrei che tutto fosse al suo posto e certe volte ho quasi voglia di fare un falò delle mille e mille cose inutili che affollano questa casa.
qualsiasi cosa tu cerchi,è quasi impossibile che la trovi al primo colpo.
e questo,oggi,mi urta non poco.
perchè io sono cambiata,e il caos mi destabilizza..
ho cercato di fare ordine nella mia vita,in svariati  modi,tagliando rami secchi e liberandomi di persone moleste e quindi ora vorrei vivere in un sano, sacrosanto e più o meno duraturo ORDINE.
non sono diventata precisina,solo che detesto dover fare la caccia al tesoro tutti i momenti:E NON VA BENE,EH.
adesso,la dea del caos ha 12 anni e ,quando non studia,passa il tempo nella sua cameretta (simile ad un bazar),a sentire musica con le cuffie ,scrivere sul pc o chiacchierare con le amiche via fb....
come cambiano le cose..............................................................................................................................

7 commenti:

  1. anche io sono molto più ordinato di un tempo....

    RispondiElimina
  2. :D :D :D io sono tuttora la dea del caos e immaginati Ragnina anni 11 che caos può fare.. un giorno le facciamo incontrare così si perderanno nel loro reciproco caos. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. grazie francesco,forse che con la maturità si cerca di mettere ordine dentro e fuori..?

    maude,il problema è che più crescono è più aumenta il disordine,in maniera direttamente proporzionale con l'età...almeno questo è ciò che mi dicono,e quindi..sono sconsolata!!!:-((

    RispondiElimina
  4. Il disordine, come ti sei accorta, è troppo faticoso da gestire.
    Diciamo che si può vivere meglio in un ambiente ordinato.
    Poi ci sono altre considerazioni come l'estetica etc. ma ora sono troppo pigro per addentrarmi in altri ragionamenti.

    RispondiElimina
  5. grazie cmq per il tuo prezioso contributo,UnUomoInCammino...
    è vero:il disordine è troppo difficile da gestire,con il tempo che si perde per cercare qualcosa si possono intraprendere mille altre attività molto più piacevoli...
    (e l'estetica la lasciamo per quando avremo voglia di FILOSOFEGGIARE..)

    RispondiElimina
  6. Confermo anch'io che il disordine aumenta con il crescere dei figli. Se prima era sufficiente raccogliere i giochi e rimetterli nel cestone, adesso è impossibile stargli dietro, fra libri e quaderni, carte, aggeggi elettronici grandi e piccoli, cavi, cavetti, caricabatterie, oggettini, monete, e abiti... ecco, metto a posto solo i vestiti quando la montagna comincia ad oscurare la luce diurna :-) per il resto, si arrangiassero, chiudo la porta e amen. Però è vero, nell'ordine si vive meglio.

    RispondiElimina
  7. cara vitarosa,sì,sì anche io faccio così:chiudo la porta e mi dico "occhio non vede..."
    ogni tanto(una o due volte l'anno)la ragazzina decide di mettere in ordine la cameretta,si chiude dentro e armeggia per un'oretta..poi quando riapre la porta mi fa:VISTO?CHE CI VUOLE?infatti poi ritrovo vestiti calzini libri quaderni inzeppati negli anfratti dell'armadio,o addirittura nelle ceste coi giocattoli(ha ancora i giocattoli sotto il letto!)...e vabbè...come dice il proverbio?"mal comune,mezzo gaudio",no?

    RispondiElimina