venerdì 30 marzo 2012

alessio

alessio ha una mamma e due fratelli,che sono molto più grandi di lui e fanno una vita piuttosto sbandata..
alessio non ha un papà,o almeno non lo conosce..
è qualche tempo che alessio a scuola non lavora più...
è irrequieto,strafottente,quando viene ripreso alza le spalle e parlotta tra sè e sè,dicendo niente...
butta gli oggetti scolastici a terra,per poi tuffarsi sul pavimento con la scusa di raccoglierli,ma è evidente che li butta apposta...
la sua grafia,già disastrosa da sempre,è diventata incomprensibile..
quando lo rimprovero si infila sotto al banco e non esce più di lì.
oggi,l'ho messo a lavorare fuori,perchè in classe fa azione di disturbo e i bambini si distraggono,o ridono,o lo sgridano perchè fa confusione...
niente funziona più con lui: nè le cattive nè le buone maniere...
ora addirittura quando lo richiamo,mi volta le spalle e fa il segno del dito che tocca la tempia per dire: E' MATTA,e parla da solo,dicendo cose incomprensibili...
torna al suo posto e la storia ricomincia:penne per terra,lui per terra,libri per terra,lui per terra,e così all'infinito.
ecco,oggi pomeriggio questa è stata la mia giornata lavorativa.UNO STRESS CONTINUO.
ho chiamato la sua mamma,e le ho parlato al telefono:la situazione è grave signora,il bambino ha comportamenti che prima non ha mai avuto
e la mamma risponde:sì,lo fa anche a casa.
AH,LO FA ANCHE A CASA????
allora bisognerà intervenire in qualche modo,dico io,pensando ad un supporto psicologico,o almeno un parere da uno specialista.
sì,sì,ci penso io...non lo mando più a calcio,così impara!
ecco,appunto.
alessio ha una mamma che non vuole riconoscere che suo figlio ha un problema,e il problema in questo modo sarà difficilissimo da individuare e risolvere.
siamo maestre,abbiamo molte competenze e tanta esperienza ma non possiamo aiutare un bambino se la sua mamma non è consapevole della serietà dei suoi problemi.
speriamo bene...
alessio intanto sta perdendo terreno e rispetto ai suoi compagni è indietro di molto.MOLTISSIMO.


4 commenti:

  1. Povero Alessio. E che pezzo di idiota, sua madre. Ecco, l'ho detto.

    RispondiElimina
  2. caro francesco,
    oltretutto,con i tagli indiscriminati operati sulla scuola,io mi ritrovo spessissimo a non poter andare neanche in bagno perchè non ci sono bidelli al piano che possano guardare i bambini...per non parlare del resto!

    maude,è vero:povero alessio...dopo le vacanze di pasqua convocheremo uffcialmente la mamma e,noi quattro maestre di classe,cercheremo di farle prendere coscienza della gravità della situazione..ma non sarà facile.

    RispondiElimina