mercoledì 28 marzo 2012

roberto

mia cugina è scomparsa il 4 dicembre dello scorso anno,dopo un malore che all'inizio sembrava curabile,ma poi invece.....
io ho ancora sul cellulare l'ultimo sms che mi ha mandato,nel quale diceva di come fosse contenta che il suo uomo potesse stare con lei per il fine settimana,finalmente,invece di tornare dai suoi a rieti.
ho ancora i suoi numeri di cellulare nella rubrica,e un ciondolino a forma di coccinella che ho preso dalla sua scrivania,per avere qlc di suo,con me.
oggi ho incontrato il suo "fidanzato",ci eravamo visti solo al funerale,e io lo avevo riconosciuto subito,pur non avendolo mai visto prima.
mi ha stupito la compostezza dei suoi gesti,la dolcezza dei suoi occhi,la tenerezza con la quale ha appoggiato su di lei quel mazzo di fiori.
poi,sono andata a presentarmi,prima che andasse via,e gli ho detto grazie,perchè mia cugina finalmente si era sentita amata davvero per la prima volta nella sua vita.
si sono conosciuti nella chat di libero,ed ero stata io una domenica che ero lì,a crearle un profilo e spiegarle come funziona una chat.
abbiamo inventato un nome,una password,e lei si è scritta tutto per benino su un foglio per essere sicura di saperlo poi fare da sola.
il primo a contattarla è stato un certo bobo,che abitava proprio vicino a lei : un colpo di fortuna,ho detto io..se vi piacete,potete vedervi con facilità!
lei si era subito affezionata a questo nick,e aveva continuato a parlare con lui nei giorni seguenti,ignorando tutti gli altri che la contattavano...chissà perchè...
dopo un piccolo malinteso risoltosi in breve tempo,si sono incontrati e,non subito per lei(mentre lui è rimasto folgorato già dal primo momento)si sono innamorati.
quando lei si è sentita male erano nella casa che avevano trovato insieme,il loro"nido"tanto cercato e desiderato da entrambi.
oggi,appunto,roberto è venuto qui,gli ho chiesto di vederlo e lui mi ha sempre detto che anche lui voleva vedermi e parlarmi.
è stato tutto molto strano,un'esperienza molto forte,e ascoltarlo parlare di lei per me è stato emozionante,doloroso e confortante al tempo stesso...capisco che sembri una contraddizione,ma è così che è andata...
quando è stato il momento di salutarsi,gli ho chiesto se potevo abbracciarlo,e mi ono aggrappata a lui piangendo,perchè quell'abbraccio lo stavo dando a lei,che non ho potuto salutare per l'ultima volta.
"grazie roberto,di essere venuto..."
"ciao stella",mi ha detto andando via.."ti ho chiamato STELLA,hai sentito?come chiamavo lei..."
 ho raggiunto il portone di casa mia e le lacrime sono diventate un torrente,un fiume in piena,un mare di pianto,che mi ha scossa,sconvolta,travolta.
dopo mesi,il dolore e il vuoto sono ancora intatti e profondi...
e l'idea che lei non ci sia più,ancora insopportabilmente assurda.

4 commenti:

  1. E' un'esperienza forte, davvero... ma credo che lo sia stata anche per lui...
    Un saluto (partecipato e commosso)
    Linda

    RispondiElimina
  2. grazie linda,
    sì credo lo sia stata anche per lui,perchè era da tanto che mi diceva "vediamoci":avevamo entrambi la necessità di ritrovare uno nell'altra,parti di LEI che non conoscevamo o che non abbiamo fatto in tempo a conoscere...
    questo incontro mi resterà dentro per sempre,commovente e speciale così come l'ho vissuto ieri.

    RispondiElimina
  3. Che bellissimo, emozionante post cara.
    Sicuramente anche per lui è stato importante il vostro incontro, così strano, e lei sicuramente era lì a sorridervi e a tenervi per mano.

    RispondiElimina
  4. sì maude,sono sicura che lei fosse lì con noi...

    RispondiElimina