domenica 9 agosto 2015

AGOSTO

sono qua, ancora viva (?) seppur sfiancata dal caldo e dalla vita.
son qua. e non so quanti degli amici che mi leggevano (spesso o di tanto in tanto) siano ancora collegati a questo blog in qualche modo.
quanti, non importa. fosse anche uno/a sono felice di ritrovarlo/a.

una piccola gioia segreta.
in questo momento QUESTO BLOG é questo per me.
scrivere...un tempo era la mia medicina salutare, era la mia terapia "gratuita" (oggi pago per parlare con la psy, e mi chiedo se ció che diciamo durante quell'ora scarsa rientri nel terapeutico in senso stretto oppure nell'amicizia a scadenza settimanale...).

divago.
per non arrivare al punto.
ció che mi preme dire, SUBITO, é che LA PICCOLA STA MEGLIO.
cosí sembra, ma il prof. di npi di via dei sabelli ci ha avvisato: possibile che risucceda.
non come prima, non cosí violento, non nelle stesse modalitá, non adesso...
ma dovrá essere lei a chiedere aiuto, altrimenti nulla funzionerá.
né le medicine prese per forza né la terapia psicanalitica né quella comportamentale...
né il COMPAGNO ADULTO, né i fiumi di parole con cui ho tentato di arrivare fino a lei, durante i giorni peggiori, quando la mia bambina non era che una larva in stato di dormiveglia perenne.

ecco.
detto questo (ho tante cose da raccontare e oggi sará un po' caos primordiale)

sto facendo i conti col tempo che passa.
ora che quella paura acquattata negli occhi non la posso piú nascondere, ora che nessuno mi dice piú da un pezzo "quanti anni hai detto??? ma non é possibile!!!"(come quella pubblicitá che odiavo: forse una crema antirughe?)
ora che i miei capelli sono ridotti ad un terzo di quello che erano fino a un annetto fa (cause ormonali? lo stress? chissá...)
ora che, dopo un periodo in cui ho vissuto come nel corpo di un'altra, correndo dietro al tempo e ai treni, aspettando ore fuori una porta blindata, ascoltando parole arcane dette da un medico quasi seccato dalle tue domande, accartocciata dentro il letto la notte in una casa silenziosa e la pioggia battente, fuori...
ora che tutto questo é passato (?) ho ricominciato a comprarmi COSE.
una borsa bellissima, che in altri tempi avrei snobbato perché troppo appariscente.
tre paia di scarpe, compresi dei sandali COLOR ARGENTO, tacco alto, iperfemminili e molto scomodi.
una canotta di seta color avorio col pizzo sull'orlo che la scia scoperte le braccia (ovvio, é una canotta..) che mia figlia ha bocciato dicendo che NON MI STA BENE.
e PROFUMI...ne avró comprati almeno 5.

shopping compulsivo.

ora tutte queste cose (e altre ) sono nell'armadio, a fare mucchio con le altre, vecchie o meno vecchie.

e il make up...rossetti mat dai colori sfacciati, mascara che promettono ciglia da DIVA, terrecotte scintillanti racchiuse in trousse gioiello...fondotinta miracolo che diventano liquidi quando li metti sulla pelle...

che meraviglia.

peccato che é tutto lí, usato una volta o due, sul marmo del lavandino del bagno...a fare disordine...

domani é DIECIAGOSTO.
ma lo sai che sono passati UNDICI ANNI???
certo che lo sai.
epperó non hai capito che non si puó piú GIOCARE.
abbiamo raggiunto l'etá della ragione.
anche se a dirlo fa ridere, e anche un po' paura.
e tu ancora GIOCHI.
con me..
non ti posso piú permettere di farlo caro mio parolaio venditore di fumo e lanciatore di coriandoli.
ORA E' FINITA DAVVERO.
trovati qualcos'altro con cui nutrire le tue nostalgie inopportune e il tuo ego narciso.
cresci, una buona volta.

E LASCIA ANDARE IL PASSATO.
IO L'HO FATTO.

4 commenti:

  1. Ciao, sono felice di ritrovarti in questo nostro mondo di parole scritte:-).
    Se la "durezza della Vita" ti sta offrendo una tregua, coglila al volo per ricominciare. Fallo per Te.
    Ti abbraccio. ( Un abbraccio anche alla tua Piccola)
    Cri

    RispondiElimina
  2. @cri
    ricambio l abbraccio con affetto...
    grazie

    RispondiElimina
  3. che tua figlia stia meglio è una cosa bellissima

    RispondiElimina