DOROTHY PARKER

So di essere stata felice al tuo fianco;

Ma quel che è stato è stato, e basta.

Non fa bene crogiolarsi nel pianto…

Quel che lietamente visse, coraggiosamente morì.

Non comporrò canzoni per cuori infranti.

E tu, che sei uomo, non vuoi lacrime,

E se dovessi offrirti la mia fedeltà,

Saresti, credo, un po’ terrorizzato.

È questo il bisogno della donna, la sua condanna:

Allineare i suoi piccoli doni, e dare, dare,

Perché il palpito del dare è dolce.

A te, che non hai chiesto né voti né versi,

Il mio dono, finché avrò vita, sarà l’assenza,

Ma per dopo, amore mio, non posso prometterti nulla.

(Dorothy Parker)

Commenti

Post popolari in questo blog

BEFORE SUNRISE

abbasso la squola