venerdì 25 luglio 2014

GENTE SENZA CUORE 2

ieri siamo andate a parlare con i medici.
mio padre, smarrito e spaventato, continuava a chiedere: COSA DEVO FARE?
niente, gli ho detto, per ora aspettiamo di sapere...esci, non pensare...quando sapremo esattamente cosa e come, ci preoccuperemo, oppure no...
infatti, dopo aver lavato i piatti (ha voluto lui ), è uscito per andare alle bocce.
io e mia sorella arriviamo in ospedale.
ci riceve subito il medico, sorridente e rilassato.
ci fa sedere, noi aspettiamo che parli.
sfoglia fogli, ci dà occhiate competenti, le braccia appoggiate ai braccioli della poltroncina, ci spiega che i problemi sono due: la stenosi e un focolaio che diventerà sicuramente canceroso, anche se ancora non lo è.
allora, il problema urgente è la stenosi, non una lesione cancerosa, chiedo.
sì, infatti, anche se bisogna intervenire anche su questa neo formazione, per evitare che degeneri.
hanno chiamato mio padre al telefono, per dirgli che doveva operarsi, senza spiegare come, cosa e perchè...lui si è spaventato moltissimo, ha quasi 89 anni...
oh, mi dispiace che vi siate messi così in ansia, la situazione non è drammatica nè urgentissima, ma bisogna cmq intervenire senza dormirci sopra.
sorride, e ripete che gli dispiace che ci siamo "agitati".
(BASTARDO)
arriva il primario, quello che ha operato mio padre un anno fa.
ah, sì, bisogna assolutamente intervenire sulla stenosi, e mettere una protesi, per via colonscopica, certo, in ambulatorio...la neo formazione non è cancerosa, lo diventerà, ma per ora possiamo toglierla durante la sistemazione della protesi.
quindi, non va operato d'urgenza?
no, no...per ora la protesi è urgente, per evitare un blocco intestinale.

alla fine, niente operazione, ma solo l'introduzione di una protesi per evitare la chiusura del colon.
per via colonscopica.
in ambulatorio.

NON HO PAROLE.

2 commenti:

  1. dai, guarda il lato positivo della vicenda

    RispondiElimina
  2. sì, lo guardo...ma che sconcerto!!!!

    RispondiElimina