SENZA

Sono ad un punto della mia vita in cui davvero ho smesso di preoccuparmi di ciò che gli altri pensano di me.

Sono diventata , però, anche vendicativa. Piccole rivalse che non incidono chissà quanto sulla vita altrui, ma che mi fanno sentire meglio, perché, se QUELLA persona se lo merita, finalmente (in maniera soft) , l ha pagata.

Sola. A volte ci piango, penso che mai più nessuno mi abbraccerà, oltre mia figlia. Penso che non avrò mai più né baci né carezze. O un corpo caldo che mi dorma accanto, che allungo la mano, e mi sento al sicuro.
Questo mi dà molta tristezza.
L altro giorno una collega, a cui stavo raccontando la mi stanchezza fisica e mentale, mi fa “Ma tu devi cambiare vita! Ti devi trovare un bel ragazzo e uscire!”
Eh. Magari, le ho detto io. Guarda che l ho cercato per anni, le ho detto. Ma niente...o sono troppo giovani oppure sono single pieni di ossessioni, oppure sembrano interessati , all inizio, ma poi ancor prima di incontrarti di persona, si dimenticano di telefonarti, per giorni e giorni.

Mettici poi che a quasi 60 anni (e parlo di me) , non si ha più voglia né di cazzeggiare né di farsi prendere in giro...beh...la faccenda non ha possibilità di sviluppi. E stop.

TROVATI UN BEL RAGAZZO, poi.
Ma io voglio uno con cui chiacchierare, andare al cinema e a teatro, fare viaggi, scambiarsi libri...
E dove lo trovo uno che magari ha anche tutte queste affinità con me, per il quale il sesso non sia una priorità???

Il mio problema, per chi non lo sapesse, si chiama Vulvodinia. Ma anche vestibolite. Ma anche ipertono del pavimento pelvico.
In sintesi: avere rapporti è troppo doloroso. E mi fa paura.
Cure?
Ne ho fatte per anni. Niente di concreto. E quindi ho smesso di curarmi, anche perché , non essendo la mia riconosciuta come malattia grave è invalidante, devo pagare tutto, terapie e farmaci.

E quindi.
Vivo lasciando che i giorni mi scivolino addosso come la pioggia sui vetri. Vivo...? Non proprio. Ho ricominciato a truccarmi, però.
Ma con tutta questa ciccia addosso non ho voglia di uscire, né di vestirmi. Ora che sta arrivando il caldo è un bel problema.

Con mia sorella siamo praticamente alla rottura completa. Ogni volta che cerco di riallacciare i rapporti succede qualcosa per cui lei si incazza con me, e non mi chiama neanche per chiarire. E scompare.

Sono stufa di farle da mamma. Stufa di capirla sempre, senza essere capita a mia volta.
Post lamentoso. Sì, lo so. Ma qui posso scrivere tutto, senza remore. E poi mi sento un po’ meglio.
Un po’....

Buona domenica.


Commenti

Post popolari in questo blog

abbasso la squola

Arriva quel momento in cui....