sabato 20 aprile 2013

mare in burrasca

torno,dopo tanto,qui.
le cose vanno così...
l'esito della biopsia non mi è ancora noto (pare che il referto sia stato mandato a Pisa) : PERCHE'?

arriva la primavera,ma oggi no.
pioviggina,e anche dentro la mia testa c'è grigio.
e disordine.

la faccenda del Diario letto,quando io non ero in casa,sembra cosa superata.
ma forse non lo è del tutto...
certe ferite (le mie,e le tue,Rocco) faticano a guarire,anche se potrebbe sembrare il contrario.

accetto di "riprendere"il filo di questa storia che è più complicata di quanto credessi.
credevo fosse finita,ma poi ieri ti ho sentito,e mi hai toccato il cuore con la tua voce fragile,e la stanchezza infinita che ne traspariva.

NON POSSO DIRE"ANDRA'TUTTO BENE",perchè non lo so.

dopo la lettera che mia figlia mi ha lasciato sul pc l'altra mattina,sono di nuovo in crisi .
lei mi accusa di non essere una buona madre,perchè negli ultimi tempi non ho avuto sufficienti attenzioni per lei,presa come ero (e sono)dalla malattia di Chicco.
ma Chicco lo sto curando io...e nessun altro.
e lui è malato,e lei (per fortuna),no.
assurda situazione...

ha 14 anni, e a questa età si è arrabbiati col mondo intero,e se ci mettiamo pure che ha smesso di andare a pallavolo perchè l'allenatrice preferisce far giocare "quelle brave" e le altre stanno in panchina SEMPRE,sennò non si vince,il quadro è quasi completo.

il dolore immenso che provo quando mi racconta che anche le ragazzine della sua squadra la prendono in giro mi riporta indietro di anni,quando questo succedeva anche a scuola,e lei piangeva,di rabbia e frustrazione.

vorrei proteggerla e salvarla dalla cattiveria,dalla stupidità e dalla superficialità,e non posso.

questa è la situazione...
è come essere in mare durante una burrasca...
ho paura,e la terra non si vede...

2 commenti:

  1. ... sta diventando Donna, è l'età più critica in assoluto.
    Prova ad abbracciarla, così, all'improvviso, magari quando lei non se lo aspetta. A volte un abbraccio inaspettato fa più di mille parole.
    Dai, vedrai che passerà anche questo momento.
    Tieni duro. Noi donne, dal momento che veniamo al mondo, la prima cosa che dobbiamo imparare è quella di essere forti. Accidenti.
    Ti abbraccio.
    Cri

    RispondiElimina
  2. Cara Cri,è vero,sta diventando donna,ed è così difficile starle accanto e consigliarla,ascoltarla,senza che lei si senta trattata da piccola...
    Ora ce l'ha proprio con me,perchè si sente trascurata:ma come è difficile fare la madre!!!
    Essere forti.Cadere e rialzarsi,sempre.SEMPRE.
    Ti abbraccio anche io,
    Stefy.

    RispondiElimina